bruno peri
cordon blu Stampa E-mail
Scritto da bruno peri   
Sabato 31 Gennaio 2009 18:51
CORDON  BLU
(Uraeginthus bengalus)
 

 
 

 descrizione

Questi uccelli appartengono alla famiglia degli Estrildidi e vivono nelle zone desertiche dell’Africa dell’Est, dal Senegal al Mar Rosso sino a nord dello Zimbabwe. Il piumaggio propone degli splendidi contrasti di colore. Il dorso è grigio, il petto e l’addome azzurri; i maschi presentano due graziose macchie rosse a forma di semiluna sulle guance. In natura la specie si nutre di semi immaturi e piccoli insetti. ln particolare i cordon blu appetiscono le termiti, comuni nel loro biotopo

allevamento

Si adattano facilmente al nostro clima, ma temono il freddo e l’umidità. Nel periodo successivo all’acquisto sono particolarmente delicati ed hanno bisogno di un clima caldo e secco, con una temperatura non inferiore ai 20 gradi e molte ore di luce, perché non sopportano lunghi digiuni. E’ inoltre indispensabile evitare bruschi sbalzi di temperatura. I soggetti nati in allevamento sono ovviamente molto robusti e non manifestano alcun problema di acclimatazione.

 

alimentazione

Il cordon blu gradisce la miscela di semi per piccoli esotici, normalmente composta in gran parte da panico, scagliola e miglio bianco. Apprezza anche i semi germogliati od immaturi di miglio e panico e soprattutto insetti. specialmente nel periodo riproduttivo. Le tarme della farina possono andare bene, ma è necessario tagliarle in più parti viste le dimensioni degli uccelli

riproduzione

La specie normalmente tranquilla, nel periodo riproduttivo diviene irrequieta, ed entrambi i membri della coppia litigano spesso con soggetti della propria e di altre specie. In particolare i maschi si affrontano minacciosamente, lanciando alti gridi di battaglia, per altro assolutamente rituali. E in ogni caso necessario fornire alle coppie spazi adeguati all’interno della voliera, per evitare inutili tensioni. I maschi in amore si impegnano in una simpatica parata nuziale: lanciano ripetuti richiami e, cantando a bocca chiusa con un sottile rametto tenuto ad un’estremità del becco, si avvicinano alle femmine, gonfiando il petto e saltando ripetutamente attorno.Per nido il cordon blu gradisce quello a cassetta di legno o quello di vimini a forma di pera. La femmina depone 4-5 uova completamente bianche che cova per circa 13 giorni. Nel corso dell’allevamento dei nidiacei l’alimentazione insettivora è indispensabile. Spesso la coppia in particolare se disturbata, rifiuta di allevare i piccoli; in tal caso e necessario utilizzare i ‘soliti’ passeri del Giappone come balie. Attualmente non sono descritte mutazioni del colore della specie.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 11 Febbraio 2009 21:11
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information